Il Recupero Crediti Giudiziale avviene quando il tentativo di recuperare il credito in via bonaria, nella sola fase Stragiudiziale, non ha dato l’esito sperato.

In questi casi, l’unica soluzione è quella di affidarsi alla procedura prevista dalla legge, rivolgendosi ad un Giudice per dare inizio a quella fase definita Giudiziale.

Il team di esperti di CREDITPMI è in grado di offrire, senza alcun costo aggiuntivo, un parere professionale in merito all’opportunità di intraprendere la via legale.

Solitamente il Recupero Crediti Giudiziale è consigliabile quando, a seguito di indagini e accertamenti economico patrimoniali già effettuati in fase Stragiudiziale, emerge un capitale sufficiente a coprire il credito insoluto. In caso contrario, l’azione giudiziaria potrebbe risultare poco conveniente.

In sostanza il Recupero Crediti Giudiziale, consiste nel sottoporre il tutto all’autorità giudiziaria per ottenere un ordine di pagamento o un titolo esecutivo; stiamo parlando di un atto in base al quale è possibile avviare l’azione forzata sui beni del debitore (ad esempio l’automobile, la casa, somme di denaro o beni della società).

Recupero Crediti Giudiziale

Vediamo quali azioni prevede la fase giudiziale del Recupero Crediti:

Come prima cosa, gli esperti di CREDITPMI procedono per ottenere un decreto ingiuntivo: un provvedimento formale grazie al quale il Giudice emette un’ingiunzione di pagamento.

A questo punto, il debitore ha 40 giorni di tempo per adempiere all’obbligo o per contestare l’azione del giudice: in tal caso si passa al contraddittorio; altrimenti, si procederà con l’esecuzione forzata: il pignoramento dei beni del debitore.

L’azione revocatoria e il sequestro conservativo sono entrambi mezzi importanti per tutelare la garanzia patrimoniale del creditore: il debitore infatti, potrebbe decidere di vendere i beni del suo patrimonio per danneggiarlo e fare in modo che non rimanga nulla per soddisfare il diritto di credito del creditore.

Questi provvedimenti permettono di agire in esecuzione sui beni del debitore, anche se questo li aveva già venduti…

Dal momento in cui il Tribunale emette una sentenza favorevole al creditore, il passo successivo è il vero e proprio pignoramento: parliamo dell’atto con cui si inizia la procedura di espropriazione forzata dei beni di proprietà del debitore, che siano essi mobili o immobili.

Lo scopo è naturalmente quello di recuperare il proprio credito attraverso il prelievo e la successiva vendita di questi beni.

In assenza di altri beni che, una volta pignorati e venduti, possano andare a saldare l’importo dovuto al creditore, non rimane che l’ultimo tipo di esecuzione forzata: l’istanza di fallimento.

Processi di Recupero Crediti Giudiziale

AVVIA PRATICA

In questo primissima fase, si procede prima di tutto alla Nomina del Consulente: il Credit Specialist che verrà assegnato, è un professionista specializzato nella consulenza e nel recupero del credito.

Seguirà l’intero processo, dalla fase istruttoria e raccolta documentale ai vari solleciti, epistolari, telefonici e domiciliari.

Un altro passo importante è quello della Normalizzazione indirizzo: si tratta fondamentalmente di verificare ed eventualmente correggere l’indirizzo del cliente debitore in modo che sia possibile inviare e recapitare le lettere di sollecito.

ISTRUTTORIA DOCUMENTALE

Il Credit Specialist assegnato da CredtPmi procede innanzitutto scrivendo inviando al cliente una Prima Lettera Monitoria, con lo scopo di sollecitare il pagamento della cifra insoluta.

Se, in seguito all’invio della prima lettera monitoria, non c’è stata alcuna risposta, allora si procede con la Phone Collection: il consulente procederà con una chiamata telefonica per prendere contatto con il cliente e per indurlo a regolarizzare la sua posizione con il pagamento della cifra dovuta al creditore.

Qualora non sia stato possibile contattare il cliente in nessun modo, né con la Prima Lettera Monitoria né telefonicamente, allora sarà necessario mettere in moto un servizio di Rintraccio.

Vengono utilizzati servizi investigativi in grado di rintracciare anche chi non vuole farsi trovare.

SOLLECITI EPISTOLARI E TELEFONICI

A questo punto, il cliente potrebbe già aver deciso di pagare; se così non fosse però, la procedura di Recupero Crediti Stragiudiziale procede con la scrittura e l’invio di una Seconda Lettera Monitoria, con la quale di nuovo si invita il cliente al pagamento degli insoluti.

Se anche in seguito alla Seconda Lettera Monitoria non dovesse verificarsi il saldo del credito, allora il Credit Specialist prosegue la procedura con quella che viene definita Esazione Domiciliare: una visita di persona al cliente, che viene sollecitato nuovamente a regolarizzare la sua posizione in modo spontaneo, senza cioè dover ricorrere a un’azione giudiziale.

Il passo successivo è l’ultimo da compiere prima di dover imboccare eventuali vie legali. Parliamo infatti di una Diffida Legale, che consiste in un atto stragiudiziale sotto forma di lettera, con la quale il cliente viene informato delle richieste del creditore; un’ultima possibilità prima di ricorrere al giudice e avviare una causa legale. La lettera di diffida deve essere recapitata tramite PEC o raccomandata con ricevuta di ritorno.

Se tutta la procedura di Recupero Crediti Stragiudiziale non va a buon fine, allora non rimane che stendere una Relazione o Certificazione di Inesigibilità, un documento, per le detrazioni fiscali, che attesta l’esito negativo della procedura stragiudiziale di recupero e dichiara il credito inesigibile.

Siamo arrivati al punto di poter valutare di continuare e rafforzare il percorso di recupero del credito attraverso un’azione legale, passando quindi alla fase Giudiziale.

Perché affidarti a CREDITPMI

  • Perché anche in questa delicata fase Giudiziale, CREDITPMI interviene rispettando il rapporto con i tuoi clienti e la tua immagine aziendale;
  • Per la grande esperienza: CREDITPMI vanta 5.500 casi l’anno con una complessiva percentuale di successo del 54%;
  • Grazie alle partnership con diversi Studi Legali, alle sedi internazionali e ad una rete estesa di collaboratori e consulenti, CREDITPMI ti può aiutare nel Recupero Crediti in tutta Italia e in Europa;
  • Il team legale di CREDITPMI ti assiste durante l’intera procedura legale e opera in maniera coordinata con il team dedicato al Recupero Crediti Stragiudiziale: un’azione sinergica che permette di velocizzare i tempi, con l’obiettivo di poter arrivare a ottenere il pagamento dei crediti insoluti prima che inizi la fase esecutiva.

Inoltre, CREDITPMI può offrirti costi calmierati grazie a tariffe agevolate negoziate con in propri avvocati in Italia ed Europa e alle convenzioni con associazioni di professionisti.

Richiedi una Consulenza!

 Compila il Form. Sarai ricontattato dal nostro Staff.

  Dichiaro di aver letto e accettato l' Informativa dei Servizi

Our Team

The weather is amazing walk with me through